A Livorno partita scoppiettante, ma la Cadetta dei Cavalieri esce sconfitta

Partita ad alto punteggio domenica pomeriggio all’Ardenza, dove la Cadetta dei Cavalieri Union Prato Sesto è stata fermata dai Lions in un match finito 35 a 30 per i padroni di casa.

Seconda sconfitta consecutiva per il XV di Nutini e Mango, che non riesce a sfatare il tabù trasferta nonostante dimostri notevoli passi avanti nel gioco offensivo. 

Il match è stato un continuo rincorrersi nel punteggio: il primo vantaggio è per i padroni di casa, che sfruttano un’incertezza del triangolo allargato sestopratese per calciare lungo e segnare la meta del 5 a 0. Gli ospiti provano a replicare poco più tardi, trovando con il piede di Fratini i primi punti del match.

Non passa molto tempo prima che i Cavalieri Union tornino alla carica, trovando la via della meta con Noviro dopo un brillante multifase che porta il numero 13 a sfondare sull’out di sinistra. Fratini aggiunge due punti per il 10 a 5.

Il XV ospite soffre però in mischia chiusa, e i Lions sono bravi a sfruttare la superiorità nella fase ordinata per marcare due volte: quando si entra nella seconda metà della prima frazione di gioco il tabellone dice 19 a 10 per i Lions, frutto di tre mete a una.

Il secondo quarto di gioco è quello dove i Cavalieri Union fanno vedere il miglior rugby, spostando ottimamente il pallone, mettendo una pezza alla mischia chiusa e arrivando per due volte in meta. Il primo a segnare è l’ala Marioni, bravo a danzare sulla mattonella, battendo il diretto avversario per poi schiacciare. Poco più tardi Turchi si infila alla massima velocità in un pertugio della difesa dopo un buon avanzamento degli avanti per l’occasione in maglia rossoblu. Fratini è impeccabile dalla piazzola: 24 a 19 il nuovo parziale.

Prima che la prima frazione di gioco possa andare in archivio, però, una disattenzione degli ospiti sul lato chiuso di una driving maul dei Lions permette al pilone amaranto di sfondare oltre la linea di meta, riportando i suoi avanti di due al fischio di metà partita.

Sono ancora i Lions i primi a segnare nella ripresa, con un calcio piazzato che manda il punteggio sul 29 a 24. Non si danno per vinti i Cavalieri, che con Fratini trovano ancora la via dei pali e accorciano sul -2, e quando l’arbitro fischia un calcio di punizione allo scoccare dell’ora di gioco, all’altezza della linea mediana del campo, il numero 15 chiede di provare ancora a mettere l’ovale al centro dell’H. Il calcio vola oltre i pali per il +1 della formazione ospite. Sarà l’ultima volta che i sestopratesi riusciranno ad essere in vantaggio, per 30 a 29. 

Due calci di punizione, infatti, di cui uno subito proprio dal restart successivo al sorpasso, permettono ai Lions di portare a casa la partita lasciando l’amaro in bocca agli uomini di Nutini. 

Per il vice-allenatore e giocatore della formazione cadetta Massimo Mango i dettagli hanno fatto la differenza: “Abbiamo giocato una partita equilibrata e aperta fino alla fine, ma con diversi errori sia in attacco che in difesa. Dobbiamo migliorare il lavoro in mischia chiusa dove abbiamo sofferto, mentre il gioco in touche è stato a mio giudizio abbastanza buono. Buono anche il movimento offensivo soprattutto quando è stato rapido, con una pulizia efficace dei punti d’incontro.”